Qual è la dose rischiosa bevendo troppo caffè?

Uno studio pubblicato dall’American Journal of Clinical Nutrition ha stabilito che consumare meno di 6 tazze di caffè al giorno non ha effetti nocivi per la salute. Tuttavia, superando questa misura, il rischio di malattie cardiovascolari aumenta del 22%. La ricerca ha valutato oltre 347.000 individui, di età compresa tra 37 e 73 anni, tra cui 8.368 casi con malattie cardiache. Lo studio ha preso in considerazione una variante genetica (CYP1A2) che influenza il metabolismo della caffeina e che finora era stata associata ad un rischio più elevato di infarto e ipertensione. Tuttavia, i risultati ottenuti hanno sottovalutato questa associazione, non trovando prove tra i pazienti portatori di questo genotipo e la malattia. Anche quelli con il gene CYP1A2 , che li aiutava a metabolizzare il caffè quattro volte più velocemente di altri, subivano gli inconvenienti dopo la sesta tazza. In ogni caso, per il cardiologo Chris Labos della McGill University in Canada, la dose di caffè che la maggior parte delle persone prendono ogni giorno è lontana dal limite. Ad essere indicati come rischiosi, sono, invece, i prodotti che vengono aggiunti alla bevanda, come le creme, lo zucchero, per l’alta dose di calorie. 

Advertisement