Come recuperare energia e benessere

Ecco qualche suggerimento per godere il più possibile del riposo notturno durante le vacanze e ricaricare le batterie.

- Andare a dormire non oltre la mezzanotte: il nostro sonno è influenzato dalle ore di luce che in estate aumentano riducendo il tempo del riposo soprattutto nelle ore serali.

- Pasti leggeri e stanze fresche: bisogna evitare di cenare tardi e bere alcolici in eccesso, andare a letto con lo stomaco pieno può provocare una digestione più lunga e un sonno di pessima qualità. Se invece è il caldo a causare un sonno disturbato, sarebbe opportuno spostarsi in una stanza più fresca, lontano da rumore e luce, e nel pasto serale privilegiare verdura, frutta e carboidrati che vengono digeriti più rapidamente. Discorso valido anche per i bambini per quanto riguarda l'alimentazione e il sonno.

- Fare la pennichella: il sonnellino deve essere collocato nella zona oraria pomeridiana fra le 14 e le 15, nella così detta porta secondaria del sonno. Questo rende la pennichella pomeridiana particolarmente riposante, purchè sia breve. Mediamente fra i 20 e i 40 minuti e mai più di un’ora. Prolungare troppo la pennichella attiva un meccanismo inerziale del sonno che rende intontiti e spesso di cattivo umore anche per ore.

- Prepararsi al rientro: per le persone che in vacanza stanno sveglie a lungo la sera è consigliabile tornare agli orari tradizionali prima di rientrare alla vita normale per prepararsi gradualmente a una situazione di privazione del sonno.

 

Advertisement